Vacanze sul Pollino, alla scoperta del Parco Nazionale

vacanze sul Pollino parco

Per gli amanti del verde e gli sport a contatto diretto con la natura non c’è niente di meglio di un’interessante vacanza sul Pollino, ubicato a confine tra la Basilicata e la Calabria. Dal 1988 si iniziò a parlare di Parco Nazionale e tra il 1993 e il 1994 il parco divenne operativo a tutti gli effetti. I greci, romani, i longobardi, i saraceni, i bizantini  i normanni e poi gli spagnoli; diverse le popolazioni che hanno lasciato tracce del loro vissuto nella storia e nella cultura di questi territori, misteriosi e affascinanti. E questo patrimonio è ben visibile tra i diversi paesini che s’intervallano lungo i 200 mila ettari del Parco del Pollino.

Cultura da una parte e natura a 360 gradi dall’altra, fanno del parco una delle destinazioni preferite per le vacanze sul Pollino, dagli amanti della natura. Diversi sono gli ingressi per accedere a questo capolavoro di natura. Il punto di partenza, preferito da tutti, è senz’altro la Grande Porta del Pollino, a cui si accede partendo proprio da Terranova di Pollino, un piccolo paesino che sorge tra gli scenari più incantevoli del parco. Arrivare a Terranova di Pollino è molto semplice, soprattutto se viaggiate in auto.  Da qui potrete partire ogni giorno per interessanti escursioni alla scoperta di grotte nascoste, passaggi naturali incantevoli, ammirando le cime dei monti che sovrastano il territorio, con i loro duemila metri di altezza.

Non dovrete essere fortunati per ritrovarvi a poca distanza da un’aquila imperiale in volo o altre specie animali che popolano questa terra come il capriolo, o meglio ancora trovarvi a pochi passi da un cavallo selvatico. Circhi glaciali, grotte, rocce dolomitiche rendono maestosi i paesaggi del parco nazionale. Non mancheranno castelli e santuari che meritano almeno una visita, durante le vostre escursioni.

Il territorio del parco del Pollino è prevalentemente montuoso e si articola su tre livelli, il Massiccio del Pollino, che parte dalla Serra Dolcedorme fino alla Serra di Crispo. Qui la Grande Porta del Pollino che conduce ai Piani del Pollino, dove cascate e mulinelli, fiumi e torrenti che sgorgano tra pareti strette di roccia e gole, conferiscono all’ambiente degli scenari incantevoli.  L’ultima parte è costituita dal Piano Campotenese, non molto distante dal Massiccio del Pollino. Dal Cozzo del Pellegrino al Monte Palanuda i corsi d’acqua naturali attraversano le vallate con cascate e una fitta vegetazione.

Tante sono le attività da fare e difficilmente vi annoierete durante le vostre vacanze sul Pollino. Qualche esempio? Escursioni e trekking, arrampicate sportive, canyoning oppure gite in mountain bike, sono solo alcune delle attività a cui potrete dedicarvi;  se non doveste disporre dell’attrezzatura necessaria, potrete trovare delle guide locali pronte a fornirvi tutta l’assistenza di cui potreste aver bisogno.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...